Organisation für spezialisierte Personaldienstleistungen AG
SonderA
   
 
 


OSP SA - Tassa speciale

Cos’è la tassa speciale?

L’assoggettamento alla tassa speciale per i richiedenti l’asilo, le persone bisognose di protezione senza l’autorizzazione di soggiorno e le persone ammesse a titolo provvisorio è entrato in vigore il primo gennaio 2008. Le persone soggette a questa tassa sono tenute a rimborsare le spese dei costi di assistenza dei quali hanno beneficiato, questo per una somma e una durata limitate.

Questa tassa speciale sostituisce l’obbligo di versare delle garanzie e di rimborsare i propri costi (Si-Rück) in vigore fino al 31 dicembre 2007, obbligo che stabiliva che ogni persona doveva assumersi i costi che generava. Con la tassa speciale, i costi individuali non sono più calcolati. Il montante massimo che si può prelevare è stato conseguentemente limitato.

Come per il SiRück, il pagamento della tassa speciale è effettuato su conti della Confederazione previsti esclusivamente a questo scopo. Il rilascio di un permesso di lavoro cantonale è legato alla garanzia di questo pagamento. Il datore di lavoro è tenuto a dedurre il 10% del salario lordo calcolato secondo la legislazione AVS e di versare questa somma ogni trimestre sul conto individuale della tassa speciale.

Le prestazioni di garanzia possono ugualmente provenire dal patrimonio se la persona detiene una somma superiore a un montante prefissato (per esempio se detiene del denaro in contanti al momento dell’arrivo). Questa somma di denaro è trattenuta come garanzia in favore della persona che deve pagare la tassa speciale.

Le detrazioni individuali non saranno più calcolate e non ci saranno più dei rimborsi da compiere. L’obbligo di pagare la tassa speciale viene a scadere quando:

  • sono stati versati 15.000.- CHF
  • la persona lascia la Svizzera
  • viene rilasciato un permesso di soggiorno, d’asilo o di rifugiato
  • sono passati 10 anni dalla prima imposizione della tassa, vale a dire che sono trascorsi 10 anni dall’inizio dell’attività lucrativa
  • sono passati 3 anni dall’ammissione provvisoria
  • la persona assoggettata è stata ammessa in maniera provvisoria da meno di 3 anni ma è entrata in Svizzera da almeno 7 anni
  • una persona che lascia la Svizzera di sua iniziativa durante i 7 mesi che seguono la domanda d’asilo o il riconoscimento di protezione, può domandare la restituzione dei beni patrimoniali che gli sono stati requisiti

Campo d’applicazione della tassa speciale

Nel 1996, grazie ad una sentenza del Tribunale Federale, l’amministrazione statale ha risolto un problema delicato. La sentenza stabiliva che i debiti contratti con lo Stato non potevano essere mantenuti indefinitamente ma dovevano essere rimborsati. L’Ufficio Federale dei Rifugiati (UFR) dell’epoca si ritrovò confrontato con centinaia di richieste. ORS Service AG, dopo aver vinto il concorso istituito dal GATT, cominciò dal primo agosto 1997, con venti persone, a gestire queste domande.

Verso la metà del 1999, abbiamo cominciato a intravvedere la fine di questo tunnel e l’amministrazione federale si è dunque ritrovata a domandarsi come gestire in futuro questo problema.

Grazie al nostro buon lavoro, l’UFR decise che i futuri casi di SiRück, in media 50000 conti, sarebbero stati affidati in gestione a una ditta esterna. Fine 1999 un nuovo concorso del GATT è stato vinto da OSP SA. Il progetto “Task Force SiRück” è stato ufficialmente chiuso il 30 aprile 2000 e il primo maggio 2000 il dipartimento SiRück dell’OSP SA ha cominciato il lavoro su mandato dell’UFR.

In seguito a cambiamenti della base legale, le funzioni sono state nel frattempo modificate. Il dipartimento si chiama adesso Tassa speciale e alcune funzioni sono state o adattate o create ex novo. In questo momento una trentina di collaboratrici e collaboratori lavora a tempo pieno o parziale per garantirne il buon funzionamento.